"UNTITLED 199" book by Andrea Varani - € 150

Formato orizzontale 33x28 cm 370 pagine


UNTITLED 199 è un libro nel quale l’autore ha raccolto 245 foto come testimonianza del suo continuo peregrinare verso luoghi noti o sperduti, cogliendone, attraverso l’obbiettivo, bellezze e contraddizioni, in ogni forma.
UNTITLED 199 riproduce le immagini, istanti di moda e viaggi che nell’insieme, come tessere di un unico mosaico, compongono il percorso professionale e personale del fotografo.

 

Free delivery worldwide - Consegna gratuita in tutto il mondo

Viewed as a whole, Andrea Varani's photos make us think of an album that a distinguished explorer continues to add to over the years with images of trips to spectacular, at times remote places in the company of wondrous creatures.

They are portraits of landscapes in tones that are both icy and intimate, at the same time far removed yet similar in style, reminiscent of a documentary by Wenders who entrusts Irving Penn and other masters of the 20th century, with the role of directors of photography.

Places so geographically distant one from the other that only the constant search for beauty (that never breaks out into ostentation), can bring so intimately close together.

Thousands of miles flown each year, meticulous, frenetic organisation, frequent changes of programme, and finally, arrival in the most disparate landscapes with their alternating seasons, in order to capture beauty in a brief moment, and then return it with calm wonder.

Fashion that is worn, interpreted at times with alienated postures, at others with bemused participation, becomes the cause and effect of every shot and every journey.

Marco Bertini, Mediaset Art Director

Le foto di Andrea Varani, nel loro insieme, fanno pensare all’album che un raffinato esploratore continua ad arricchire nel tempo, con le immagini di viaggi in posti spettacolari, a volte remoti, in compagnia di creature meravigliose.

Sono ritratti di paesaggi dai toni algidi e intimi allo stesso tempo,  tanto lontani quanto vicini nel loro stile, da ricordare il documentario di un Wenders che si affida a Irving Penn ed altri maestri del 20esimo secolo, come direttori della fotografia.

Luoghi così geograficamente distanti fra loro che solo una costante ricerca del bello (che non sfocia mai nell’ostentazione) può rendere così intimamente vicini.

Miglia e miglia aeree percorse ogni anno, organizzazioni puntigliose e frenetiche, ricorrenti cambi di programma e finalmente l’arrivo nei paesaggi più diversi, con le loro stagioni per coglierne in pochissimo tempo, la bellezza e restituirla con pacata meraviglia.

La moda indossata, interpretata a volte con stranianti posture, altre con divertita partecipazione, diventa causa ed effetto di ogni scatto e di ogni viaggio.

Marco Bertini, direttore artistico canali Mediaset